mercoledì 25 Novembre 2020

IL NUOVO REGOLAMENTO URBANISTICO: PARCHEGGIO NEL “ PALLONE “.

L’Amministrazione Comunale ha approvato il nuovo regolamento urbanistico sul quale i cittadini entro 30 giorni possono produrre osservazioni e visionare i documenti presso l’Ufficio Tecnico . E’ uno strumento molto complesso che determina l’assetto del paese per i prossimi anni. Non c’è stata una fase preventiva di discussione e condivisione nella cittadinanza ma proviamo a dare un contributo costruttivo. E’ opportuno, stante anche l’andamento dell’emergenza sanitaria, prolungare, e non di poco, i 30 giorni a disposizione per chi è interessato a produrre osservazioni.

Il Regolamento prevede la realizzazione di un parcheggio su metà dell’area PALLONE, retrostante l’Abbazia, ovvero l’antico orto / giardino dei monaci, già bloccato dalla Soprintendenza circa 10 anni orsono. Sul parcheggio in area PALLONE, CooperAttiva, come già nel passato esprime un completo dissenso.  

Nella tavola n. 18 (Parco delle Cantine Rupestri) il parcheggio è collocato in prossimità della cantina intermedia dell’Abbazia. Una indicazione circa  un “ percorso pedonale di nuova realizzazione “ (tav. 18), prevede un sentiero o  gradinata che dal PALLONE scende verso la scala che conduce alla cantina rupestre dell’Abbazia ed alle altre cantine prossime a quella detta del Marchese. Se così fosse il percorso taglierebbe la cinta muraria medievale ancora esistente. 

Nella tavola n. 15 (Sintesi di Progetto, Regimi Urbanistici) il parcheggio del PALLONE è collocato tra le mura medievali superstiti e la chiesa. Questa soluzione determina lo sviluppo del parcheggio su due cavità: la cantina rupestre e la galleria di collegamento tra questa e la cantina superiore del monastero.

Non è chiaro quale sia l’intervento previsto: il primo, il secondo o ambedue.

Per l’area PALLONE il Comune ha recentemente presentato nell’ambito di un bando della Regione Basilicata, un progetto di recupero dell’intera area pienamente condivisibile che prevede il recupero del sito con la realizzazione di un giardino delle erbe officinali ed aromatiche tipico delle grande comunità benedettine, fondamentale per l’arricchimento dell’offerta turistica della città. La destinazione a  parcheggio anche solo di una parte del PALLONE a nostro parere impatta negativamente sul valore ed i contenuti del progetto candidato dal Comune nel Bando della Regione.  Grazie a tutti per l’attenzione.

Lucia Appio, Franco Caputo, Angelo Lospinuso  (CooperAttiva).


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi