martedì 17 Settembre 2019

Giuseppe Gatì

Chi di voi non sa chi è Giuseppe Gatì guardi questo video:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

E’ il video che lo ha reso famoso prima nella blogosfera e poi su blob. E’ per lui inconcepibile che in Sicilia, terra di mafia, si facciano tanti salamelecchi a un pregiudicato che non perde occasione per gettare fango sul procuratore Caselli che, col suo pool, tanto ha fatto contro la mafia.
Un ragazzo del sud, coraggioso, con dei principi in nome dei quali era disposto a fare anche cose fuori dagli schemi che la maggior parte di noi ritiene classici. Non so se intervenire così ad un convegno è il modo migliore per affermare principi e valori sacrosanti, non so se in merito alla questione specifica di Sgarbi sia giusto o meno quello che Giuseppe ha fatto (protendo per il si)…. so però con certezza che se tutti noi ragazzi del sud avessimo metà del suo coraggio sicuramente ci sarebbe una speranza per la nostra terra.
Giuseppe Gatì è morto, in strane circostanze. Qui trovate un ottimo post a riguardo.
Penso che sia il minimo far conoscere a tutti la sua storia ora che non c’è più.


Commenti da Facebook

2 Commenti

  1. anycamy

    Bisogna urlare "W il pool antimafia" sempre. deve essere il nostro nuovo Padre Nostro se vogliamo che la morte di Giuseppe Gattì non sia vana. Ricordare "…ammazzateci tutti"  l’esempio da seguire.

    Lo Stato ormai difende i  pregiudicati ma non tutti si chiaro solo quelli DOC.

    Sgarbi  condannato in primo e secondo grado per truffa allo Stato con piena libertà di parola!

    Gatì onesto cittadino sequestrato e rinchiuso in una stanza.

    Non aggiungo altro tranne l’indignazione.

    Ciao Giuseppe!

     

    1. vince_ditaranto

      Mi accodo alle parole di sconcerto di Any.

      E’ incredibile come si confondano ormai le verità.

      Un cittadino indignato dice UN FATTO, una sentenza, qualcosa che non è un opinione…..è lo stato difende chi vuole che quel fatto non venga mai detto.

      Ma non si può dire. Bisogna stare zitti. Non dire nulla.

      Schhhhh.

      Facciamoci tutti i fatti nostri, magari campiamo più a lungo.

      O magari no…….perchè un bel giorno ci capita di scontrarci con l’omertà e con un sistema che non solo non funziona ma è garante dei furfanti. Combattere il sistema non è idealismo, ma deve essere pragmatico, perchè può colpire ognuno di noi in qualsiasi momento. Ne sanno qualcosa la famiglia Claps, la famiglia De Mare, la cara Olimpia Fuina Orioli……

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi