Due questioni

Vorrei porre all’attenzione degli utenti due diverse questioni.
La prima, di natura locale e ambientale, riguarda il problema dei vecchi canali d’irrigazione che continuano a tagliare campi e a occupare spazi anche se da anni sono ormai inutili dal momento che si è passati al più efficace sistema d’irrigazione a pressione.
Qualcuno sa spiegare come mai il consorzio di bonifica, che ne dovrebbe essere il proprietario, non li raccoglie?

La seconda è più complessa e di carattere nazionale e riguarda l’immigrazione.
Come tutti sappiamo l’arrivo in Italia di stranieri ha comportato anche e innegabilmente l’affermarsi di una delinquenza a base etnica: criminalità rumena, albanese, marocchina, cinese e via dicendo.
Una domanda che mi faccio da anni è come mai non li si contrastino con poliziotti della stessa nazionalità.
Come tutti sappiamo alla delinquenza italiana il senso pratico degli americani fece fronte con un massiccio impiego di poliziotti italiani. Joe Petrosino è solo il più noto, ma ce ne furono tanti.
Può darsi che io sia male informato e che ci siano delle iniziative che vadano in questo senso, mi sembrerebbe assurdo che nessuno ci abbia pensato.

A scopo puramente retorico-accademico vorrei anche chiedere quale delle due questioni credete che potrebbe (???) risolversi prima.


Commenti da Facebook

1 Commmento

  1. ciffo

    Immagino che per essere reclutati nelle forze armate o polizia si debba essere cittadini italiani.. ed è il primo ostacolo.
    Ma poi… sarebbe costituzionale reclutare cittadini italiani distinguendoli in base a razza/provenienza/origini?
    Ad ogni modo io vedo molto più fattibile questa cosa che una reale bonifica delle nostre campagne dai vecchi canali.

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi