E’ morto Mike, anzi…..Silvio!

è stata la prima cosa che mi è venuta in mente, dopo la triste notizia su Mike. E se capitasse a Silvio? lungi da me l’idea di augurare morti improvvise a chiunque, vogliamo provare ad immaginare quali scenari possibili si aprirebbero sulla politica italiana?

chi potrebbe essere il nuovo premier? Fini, Tremonti, Dalema, Fassino o chi? siamo davvero sicuri che non si cadrebbe nel casino totale? possiamo prevedere con certezza che tutto cambierebbe in meglio? questi sono solo alcuni dubbi che ho, vogliamo parlarne? vorrei solo che non si cadesse nel solito errore del parlar bene/male dell’uno  significhi parlar male/bene dell’altro.


Commenti da Facebook

6 Commenti

  1. Raf

    Allo scenario prima o poi bisogna pensarci…
    Non auguriamo la morte a nessuno ma non è da escludersi che alle prossime politiche Berlusca non si candidi a premier…

    Si avrebbe inevitabilmente un tracollo delle destre. Anche se Fini negli ultimi tempi sta astutamente prendendo le distanze da Berlusca, il centro destra deve tutto a Silvio nel bene e nel male
    Il sistema partitico che Berlusca ha messo su, populista e totalitario, si identifica con lui stesso.
    Quindi morto lui morto il PDL.

    Dall’altra parte il PD resterebbe solo nella parte del leone indipendentemente da chi sarà alla guida…
    A meno che il cosiddetto elettorato moderato non si riunisca ‘sta volta attorno a un’altra nuova bandiera che coprirebbe il buco lasciato dal PDL; analogamente a quanto successo nel ’94 quando restava solo il PDS e Berlusca, dal nulla (?), si è inventato il partito dei moderati per sostituirsi al pentapartito…

      1. giusy

        Scusami rosy ma io questa tua affermazione davvero non la capisco…Mike è diventeto personaggio unico per quello che ha fatto in relazione al contesto storico-politico di quegli anni. Proprio per questo io,invece, condivido e giustifico apparenti digressioni sul tema. In questo sito si parla spesso di politica, è vero, e questo per me è giustissimo, sarebbe assurdo il contrario. Parlare di politica vuol dire parlare di economia, di società, di cultura; significa parlare di ideali, di libertà, di speranze per cui l’uomo si è battuto e si batte nel corso della storia anche a spese della propria vita. Nessuna discussione risulta quindi essere circoscritta, limitata, sterile. Questo, a mio avviso, vale per i vari dibattiti affrontati in questo sito relativi a problematiche a livello locale, regionale, nazionale e internazionale

  2. gianni

    Conseguenze nell’immediato:

    1) concordo con raf, scomparirebbe il PDL….non avranno quell’elemento di differenza!!!!

    2)con Silvio morirebbe politicamente anche il Di Pietro con una specie di infarto politico improvviso, senza alcun avviso preventivo….non avrebbe nessun motivo di esistere uno che non ha nessuna idea politica e che fa politica solo per parlare contro una persona!!!!

    3) Vincerebbe il PD con la maggioranza assoluta ma, subito dopo, si sfalderebbe in tanti piccoli partiti….PDD (Partito Democratico D’Alema), PDDC (Partito Democratico Dei Cattolici), PDDAC (Partito Democratico Degli AntiCattolici), PDSAI (Partito Democratico Sostentamento Attori Italiani), PDSCI (Partito Democratico Sostrentamento Comici Italiani…."con Presidente Lino Banfi"). Questo appunto perchè ,senza Silvio, non vi è nessun motivo per stare uniti.

    Conseguenze per il futuro:

    1)  Si va a ripristinare una finta libertà di stampa….nel senso che nessuno più ci dirà che in Italia esiste la stampa telecomandata. Si perchè noi ci reputiamo così intelligenti da credere al fatto che in Italia esiste la censura alla stampa solo perchè è proprio la stampa (l’80%) a dircelo. Un pò come un genitore che dice a suo figlio: " uè stronzo, non si dicono le parolaccie…non ti permettere più pezzo di merda";

    2) Nel caso in cui la linea del nuovo governo ritornerebbe ad essere quella del buonismo allora tornerebbe alla ribalta nuovamente la destra, ma non quella di Fini ma quella estrema e carico di razzismo. Si perchè il razzismo e l’odio sociale è provocato in primo luogo da politiche filosofiche lontane dal quotidiano dei semplici morti di fame. Si perchè la politica da salotto e del per-benismo (tipica comunista!!!) non fa che alimentare o addirittura crearei pregiudizi sociali;

    3) Non parleremo più delle mignotte dei vari Presidenti futuri e, forse, si inizierà a parlare di problemi seri….non quelli di Boffo o di Feltri

     

    1. montesino

      concordo a pieno soprattutto su idv sulla  fine pdl e pd e si ritornerà al 1994 quando in italia si è creato il vuoto politico e tutti ex DC del pd e pdl torneranno a u iazz.  sotto il simbolo della balena bianca.

      ( E CHE NE SARA’ DI CIFFO NN SCRIVERA’ PIU’ E TM ECC……..) SPERATE CHE CAMPI UN ALTRO PO’ FATEGLI VEDERE ALMENO IL QUIRINALE . E’ IL SUO SOGNO.

      (VEDO NAPOLI E POI MUOIO)

      1. giusy

        …effettivamente il dopo Silvio è già in atto..la Chiesa si è mossa, sta cercando nuove alleanze e questo la dice lunga… Concordo con previsioni di rottura di PDL, PD e chissà come verrebbe gestita la Lega. Comunque.. bella osservazione wise! Mike richiama Silvio: sembrano personaggi immortali.. 

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi