mercoledì 20 Ottobre 2021

vicenda Marrazzo. riflessioni

La recente vicenda Marrazzo che fa il paio con quella di Berlusconi mi ha dato l’occasione di riflettere su alcune cosette:

* che tristezza la vita di questi politici! L’uomo più ricco d’Italia, il più potente, l’unico che potrebbe aver tutto quello che desidera si riduce a passare le sue serate in compagnia di ragazzine più o meno a tassametro alle quali mostra filmati dei suoi congressi. Il governatore del Lazio, anche lui ricco e potente, famoso personaggio televisivo stacca assegni a poveri trans per ricevere sollazzo e compagnia.
A me viene da pensare che la loro vita sia contraddistinta solo da tristezza e solitudine. Auguriamoci di non doverci mai ridurre al loro stato.

* Lo sfruttamento del corpo. Che siano belle fanciulle o trans, il binomio potere-sesso rimane una costante.Il binomio probabilmente è sempre esistito ma ora ora non si parla più di amanti semi-nascoste ma del corpo usato sempre più spesso come merce di scambio. Come e più dei soldi i il sesso è oggi la leva più efficace per avviare affari, ottenere successo, un posto in parlamento, una particina in una fiction.
E tutto questo mentre ipocritamente si fanno campagne per la famiglia, per le quote rosa, campagne contro la prostituzione, campagne per i diritti dei gay.

* La superiorità della sinistra è un bluff. Il marcio è a destra come a sinistra. Berlusconi non perderà mai perché a sinistra abbiamo suoi cloni in piccolo. Come Berlusconi sia diventato sultano d’Italia è noto a tutti. Ma chiediamoci… come è possibile che uno come Marrazzo sia lì? Semplice… è famoso e conosciuto in quanto uomo di TV. Nessun radicamento nel territorio, nessuna precedente gavetta politica. Un uomo messo lì solo per vincere. E questi sono i disastrosi risultati. Certo Marrazzo ha avuto la decenza di autosospendersi, decenza che il peggior premier degli ultimi 150 anni non avrà mai. Ma basta questo per definire uomo degno di stima uno come Marrazzo? Il buonismo del PD nei suoi confronti fa il paio con l’esaltazione di Silvio da parte dei suoi idoti fan. Uno che è ricattabile, che mente ai propri elettori e che, solo davanti l’evidenza, riscopre il buon senso non può diventare una povera vittima. Soprattutto perché ora gli idioti-fan di Silvio potranno dire che tanto son tutti uguali e che è meglio esser governati da un dritto che a 73anni si circonda di belle bimbe piuttosto che da sfigati che vanno a trans.

* i carabinieri. Come è possibile che a estorcere e ricattare siano proprio coloro che dovrebbero difenderci? Questa è la cosa che più mi sconvolge. Che Berlusconi, Marrazzo, o i tanti dirigenti del mondo politico attuale siano completamente privi di moralità, rispetto delle istituzioni, senso dello stato, delle leggi, della giustizia non mi sorprende. Ma un carabiniere????
Il Paese-Italia è ormai giungla-Italia dove tutti sono contro tutti, i deboli non hanno speranza e vince sempre il più forte. 🙁


Commenti da Facebook

12 Commenti

  1. tm

    ho evitato fino ad ora di esprimere un parere sulle vicende pubbliche private del presidente Berlusconi non perchè non mi sentissi indignato dalla cosa ma perchè ritengo e lo ho ripetuto decine di volte che la politica non si può fare esclusivamente su queste cose, esistono problemi ben più importanti che abbisognano di tutta la nostra attenzione senza che fatti tra virgolette marginali li facciano passare come purtroppo avviene in secondo piano.

    La vicenda di Marrazzo e su questo sono daccordo con felice non è da meno rispetto a quelle del premier o di altri politici di cui si viene a conoscenza ma anche di chi resta perennemente nell’anonimato. Sono pratiche che pur nella loro natura privata diventano necessariamente di interesse pubblico quando a praticarle sono personaggi che si sono sottoposti al giudizio dell’elettorato vantando pregi e facendo proclami che poi si rivelano esattamente l’opposto del loro modo di vivere. La diversità sta se mai ne esiste una nel fatto che Marrazzo difronte all’evidenza e spinto anche dalla critica mediatica ritiene doveroso autosospendersi (il non dimettersi è dipeso a mio avviso solo dalle segreterie politiche che hanno voluto evitare una crisi istituzionale) al contrario di personaggi come Berlusconi che nonostante l’evidenza rifiutano categoricamente vantando il peso del giudizio elettorale, senza aggiungere che quel giudizio in molti casi è stato estorto proprio con proclami che inneggiavano ai valori della famiglia e dell’integrità morale.

    La cosa che mi preoccupa maggiormente però non è tanto la gravità di queste vicende, quanto invece il fatto che vengano fuori sempre in momenti di grande tensione sociale e politica al punto da farmi ritenere possibile l’esistenza di una vera e propria strategia dietro alla divulgazione di certe notizie per evitare che le attenzioni della gente si rivolgano ad altre problematiche di cui si vuole evitare che si discuta e che si sappia e in questo momento mi vengono in mente due cose di cui in tanti sia di destra che di sinistra hanno tutto l’interessa ad abbassare i toni, e sono la vicenda del presunto patteggiamento tra stato e mafia ai tempi delle stragi di falcone e borsellino e per ultima le due vicende legate allo scudo fiscale e al  possibile reinserimento delle norme "lodo alfano" appena bocciate dalla corte costituzionale e che si vuole riproporre allargandole all’intero parlamento con evidenti vantaggi anche per diversi politici di opposizione che eviterebbero processi nei quali figurano come indagati.

     

    1. RAVILO

      CHE vergona Marrazzo era meglio se restavi al tg3…e poi dai almeno vai a donne…tu vai a trans..AH NON TAMBARAT NIENT SILVIO…KUR A SETTANT ANN ANGAPP ANGOR TU A 50 VAI GIA’ A TRANS..AHAHAHA VERGOGNA

      1. Cinzia

        Ravilo, questa è la cosa più banale che potessi scrivere…
        Concordo a pieno (e sono ugualmente disgustata) con ciffo.
        Niente da applaudire. C’è solo da chinare il capo e fare 5 minuti da vergogna…
        E non mi stupirei che giovedì da Santoro, ci fosse Natalie (per fare contenti Rokko, e l’Italietta dei voyeurs…)

        1. montesino

          ti disgusta il fatto che che abbia pagato per nascondere la storia?……………………….

          ti disgusta il fatto che vada a trans?

          se la prima ok concordo.

          la seconda, invece, ti dovrebbe disgustare anche vendola, brunetta,bindi, perchè sono gay dichiarati e non penso che durante i loro mandati politici nn abbiano rapporti. credo che sono delle fantasie o vizi che ognuno ha e non ledono la vita di nessuno e soprattutto non limitano il lavoro politico sia per marrazzo sia per berlusconi. perchè si dovrebbero vergognare? forse perchè hanno gusti sessuali diversi dai tuoi?perchè ravilo non puo’ esprimere il suo parere? solo perchè diverso dal tuo? ti dirò marrazzo ha sbagliato a dimettersi perchè i laziali hanno votato le sue capacità politiche e non le sue "diversità" sessuali lo stesso vale per silvio. e se santoro invita sto trans è proprio un’approfandimento di m….a .visto che il suo spazio televisivo è maggiormente politico che di uso e costume e morale

          1. Cinzia

            Non mi interessano nè disgustano le preferenze sessuali di chicchessia, politico, imprenditore, insegnante, agricoltore, militare etc. E se c’è una cosa di cui non mi si può accusare, è l’omofobia.
            Marrazzo, Berlusconi, o chi per loro, possono entrare ed uscire dal letto di chi vogliono, con quante persone vogliono, di qualunque sesso siano.
            Quando però il sesso è a pagamento, quando ci sono giri di prostituzione e strisce di cocaina, la storia cambia… Si sta parlando di personaggi che rappresentano lo stato e le istituzioni. Quanto meno per rispetto all’incarico che ricoprono, dovrebbero cercare di evitare di assecondare certi vizietti. E questo non per un fatto di moralismo spicciolo, ma per una questione di ETICA.
            In più, mi ripugna profondamente, e qui non posso farci niente, che le varie D’Addario, invitate a pagamento a feste private con il premier con tanto di registratore alla mano, frequentino la passerella della Mostra del Cinema di Venezia, applaudite e fotografate… oppure siano dipinte in tv come le nuove pasionarie dei nostri giorni, fingendo di dimenticare che la professione che le ha portate alla ribalta è quella più vecchia del mondo.
            A questo aggiungi che uomini che dovrebbero tutelare il bene e la sicurezza pubblici, nonchè garantire il rispetto della Legge, si rendono fautori essi stessi di gravi reati…
            Perciò, montesino, ti invito a rileggere il mio post alla luce di questo. Anzi, più che il mio, quello di ciffo… E poi dimmi se non c’è da vergognarsi o rimanere disgustati!

      2. piso

        io penso ravilo non e andare  a letto con donne o con uomini e il fatto che ha tradito sua moglie e tutti quelli che lo hanno votato  a me la politica non interessa e non interesseraà mai comunque perchè lui e un politico e se ne parla ma chi ha sbagliato e un uomo e deve pagare da uomo ma solo con la sua famiglia.PISO

    2. Cinzia

      Tonino, lo stesso sospetto ha sfiorato anche me. Adesso saremo tutti presi dalle stravaganze sessuali di Marrazzo, dimenticandoci del famoso “papello” e di altre vere e proprie minacce alla legalità…

  2. yuri

    Ciao…

    Finchè gli aspiranti della cosa pubblica non capiranno che fare l’assessore,il parlamentare o il presidente non significa approfittare di quella posizione,per trasgredire le regole,non dobbiamo stupirci neanche di scoprire che magari i mafiosi fanno la finanziaria,mentre i politici vanno a divertirsi.Non è una questione di valori,cari alla destra o alla sinistra:quei valori li vediamo sbandierati nelle trasmissioni,tante,dal politico di turno(ma mi chiedo:perchè vanno tutti con i foglietti adesso?Forse che,ormai han dimenticato persino quali sono i loro valori,tanto da doverseli annotare?).E’ deprimente dover dire che in Italia le cose buone sono soltanto i beni artistici,che poi sono ciò che ci han lasciato altri,vissuti prima di noi,o la pizza,ma neanche quella credo,se scopri che la mozzarella contiene diossina.La cultura:non mi azzardo a dire che abbiam tanta cultura,visto che non serve in un sistema sociale basato,sullo sfruttamento del corpo,sul venire a patti con i criminali o sul compiacersi dell’aver pagato dittatori che si tengono le persone che scappano dalle guerre,la fame,da una vita senza speranza.Il rischio,a mio parere,è quello che:chi ha una certa età possa assuefarsi a questo stato di cose,mentre chi è più giovane prenda la realtà in cui viviamo come la norma da seguire per il futuro.Ma forse sta già accadendo!!!

    1. Bender_boss

      in fondo credo che widemental ha ragione, non credo sia una scelta intelligente dare dell’idioti così gratuitamente alle persone solo perchè sostengono una parte politica piuttosto che l’altra, cmq in merito alla vicenda Marrazzo che credo che in comune con quella di Berlusconi ha solo la debolezza che è di tutti gli uomini, sia uno stimolo ancora una volta ha concentrarsi sui problemi reali non sulle gossippate, e cosa centri il papello con tutta sta vicenda onestamente non lo so, forse ci vorrebbe una discussione a parte senza comunque dimenticare che il papello è promossa da un certo Massimo Ciancimino che ha mio modo di vedere non merita tutto sto credito che gli si attribbuisce ultimamente, perchè lui non solo è il figlio di don Vito ma lo stesso Massimo è stato un personaggio che ha goduto di una posizione "mafiosa".

      1. patata

        ognuno ha le sue perversioni..anche i politici..non dovrebbero farlo perchè non è etico?ma ognuno di noi fa nella proprio vita qualcosa di moralmente non etico…io penso che invece di perder tempo con queste storielle che riguardano problemi loro dovreste discutere sul fatto che il popolo non ha soldi.

        ho dei gusti semplicissimi,mi accontento sempre del meglio.

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi