ELIOS Sfrattata! Ordinanza di Sgombero.

Una associazione attiva sul territorio che perde il proprio spazio. La tensoStruttura,  l’officina creativa in cui i giovani si aggregano fra qualche giorno non ci sarà più.

E’ giunto il momento in cui le cose possono prendere una nuova piega. Da un lato l’amministrazione Comunale vuole giustamente riqualificare la Villa Baden Powell (Belvedere). Dall’altro lato una associazione vitale e creativa perde un suo punto di riferimento.

Come uscirne?! Purtroppo non ci sono ricette magiche. Di certo occorre rinegoziare spazi e servizi a supporto dell’associazionismo locale.

La cura del verde pubblico a Montescaglioso è quel che è (cioè nulla.) Perchè Elios in cambio di uno spazio "riqualificato" non propone di "adottare la Villa?" Magari con servizi di manutenzione del verde e gestione di attività per ragazzi…. 


Commenti da Facebook

10 Commenti

  1. giulianob83

    Non venissero a dirmi che a monte non ci sono locali liberi, perchè chiunque può notare quante case e locali commerciali vuoti ci sono. Basta solo, che qualcuno di competenza al comune si impegni a trovare un locale disponibile.

    giuliano

    1. RoKKo77

      chi paga gli affitti?a questo punto plaudo all iniziativa di creare la consulta che possa magari servire anche a gestire un locale ampio per tutte le associazioni con servizi vari per garantire il funzionamento per tutti.

  2. giulianob83

    Apparte che un locale di proprietà propria il comune ce l’avrà sicuramente, e quindi già l’affitto è risparmiato,  poi per altre spese quali acqua, luce e gas visto che si tratta di associazioni si può trovare un compromesso..Non mi sembra giusto privare gli Elios di un semplice locale, visto l’impegno per organizzare teatri, spettacoli tutto a gratis.

    giuliano

  3. lomfra

    questa sera all’incontro che si terrà per la nascente consulta porteremo all’attenzione di tutti anche il prolema degli spazi, e personalmente esporrò anche il tuo pensiero, giuliano.

    Colgo l’occasione per invitare tutte le associazioni che non siamo riusciti ad invitare (perchè non trovavamo le sedi o i rappresentanti) a partecipare alla riunione di stasera, presso la sede di Donna e Vita in corso Repubblica ore 18.30. Si prega di venire un membro per associazione per evitare l’affollamento, almeno fin qnd nn risolviamo il problema degli spazi.

    1. Gabbiano

      Concordo con Giuliano: esistono sicuramente diversi locali che stanno li a fare la muffa e il fatto stesso di cederli in comodato d’uso gratuito ad un associazione o ad una associazione di associazioni cotituisce un primo passo per far rivivere queste strutture. Già per il fatto stesso che della gente ci stia dentro, ci viva o svolga delle attività implica (spesso) che la stessa struttura venga "curata" e riparata all’occorrenz, senza arrivare al ocmpelto sfascio.

      al di là di questo, credo sia ,da un punto di vista soiciale, dare l’opportunità a chi ha voglia , idee ed energie da investire di farlo!

      1. RoKKo77

        beh visto che in questa struttura c’è gente che ci sta dentro e che ha curato e riparato la tensostruttura perchè non documentarlo con delle foto che rendano partecipi magari tutta la cittadinanza della cura che è stata fatta al locale, non è ironico il mio pensiero ma è una seria richiesta per dimostrare alla cittadinanza che nulla è stato fatto di sbagliato da parte di Elios, magari invece di mettere le foto della strada che è stata rivoltata da un martello pneumatico sarebbe meglio mettere le foto di come è attualmente la tensostruttura non credi gabbiano?sicuramente ognuno di noi potrà rendersi conto di chi è nel giusto perchè dire che elios è stata sfrattata è un fatto ma credo che manchino all’appello le motivazioni dello sfratto.

        1. Gabbiano

          Si Rocco, quello che dici non è sbagliato anzi! non aspettarti però di vedere lavori fatti ad opera d’arte!i ragazzi hanno fatto tutto con le loro mai e forze, diciamo, alla buona. Non era facile ad esempi oriparare lo squarcio del telone a quell’altezza. Da quello che ho visto io hanno ridipinto le stanze, certo con colori molto fantasiosi, e in altri angoli c’era un po di meno "organizzazione". Al di là di tutto questo, caro Rocco, quello che intendevo dire è che piuttosto che lasciar marcire certe abitazioni e/o strutture comunali sarebbe, non solo giusto ma anche, lodevole e stimolante darle in uso a gente con delle idee, gente che abbia voglia di fare delle cose per se,per un gruppo di persone o per l’intera comunità montese!

  4. Michele69

    Poche chiacchiere signori, e senza girare intorno ad una situazione che é diventata una necessità impellente, a Montescaglioso esistono varie associazioni che non hanno neanche una sede, come ha ribadito l’amico in un post precedente, e sono associazioni che muovono folle, (tipo l’Ass.ne Carnevale Montese), ma io mi chiedo, visto che dell’università non se ne parla più, perchè non ci danno qualche stanza nell’abbazia, almeno creiamo un pò di movimento e quando viene qualche turista troverà sempre aperto e qualcosa da vedere…

    L’idea della consulta é positiva, anche se sono un pò scettico sulle associazioni di qualsiasi genere che come la storia montese ci insegna, hanno vita breve, comunque, se le cose si fanno con criterio e serietà, avendo una unica sede, dove creare anche dei laboratori per coinvolgere i giovani in attività di vario genere, la cosa é fattibile.

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi