L’unità del Paese è soltanto un ricordo

A valle del 25 aprile vi pongo all’attenzione l’editoriale di Scalfari su Repubblica.

A 65 anni dalla Liberazione (o fine della guerra civile, come direbbero alcuni)… con una punta di rassegnazione vede sgretolarsi l’unità nazionale (già mai del tutto consolidata, aggiungerei io)

"Il fatto più evidente dell’attuale situazione consiste nel disfacimento diventato sempre più rapido in questi ultimi mesi del sentimento di unità nazionale. Mentre si celebra proprio oggi la ricorrenza del 25 aprile 1945, cioè la liberazione dal nazifascismo e l’inizio della democrazia e della storia repubblicana (giugno 1946) e mentre si celebrerà il 5 maggio l’impresa garibaldina, l’imbarco dei Mille a Quarto, il loro sbarco a Calatafimi e poi, in pochi mesi, la battaglia del Volturno, l’incontro di Teano tra Garibaldi e Vittorio Emanuele e infine la nascita di lì a poco dello Stato italiano; mentre queste ricorrenze incalzano, quello Stato che ha 150 anni di vita, si sta disfacendo sotto i nostri occhi.

Quelle ricorrenze hanno perso ogni significato epico, non suscitano entusiasmi e neppure tenerezza, neppure orgogliosa memoria, neppure condivisione di valori. "Una d’arme, di lingua, d’altare, di memorie, di sangue e di cor" cantava il Manzoni. Ma dove mai? Siamo mille miglia lontani da quell’unità auspicata dai nostri grandi, mai realizzata nel profondo se non nel fango delle trincee, nei sacrifici dei più deboli, nelle speranze di quanti, malgrado tutto, hanno costruito, hanno prodotto, hanno dato un volto moderno, hanno tentato di estirpare i vizi e seminare le virtù civiche"

L’avanzata del patto duo-cratico Berlusconi-Bossi da un lato mette in discussione i principi di democrazia parlamentare dall’altro l’unità nazionale stessa con l’affermarsi di un regionalismo estremista.

Ma forse un’ultima speranza risiede:

– nell’opposizione, intesa in senso lato, Fini compreso, in una sorta di CLN

– nello stesso Napolitano che, pur nella sua rassegnazione, rappreenterebbe un baluardo della costituzione.

– in una parte dell’opinone pubblica che ancora non si rassegna.

http://www.repubblica.it/politica/2010/04/25/news/scalfari_25aprile-3597571/


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi