Non sanno neanche loro cosa firmano!

Emendamento alla Camera n. 1707:
“Niente obbligo di arresto per chi verrà sorpreso a compiere violenze sessuali di LIEVE ENTITA’ verso minori”. I firmatari della legge:
Gasparri(PdL), Bricolo(Lega), Quagliariello (PdL), Centaro (PdL), Berselli (PdL), Mazzatorta (Lega), Divina (Lega).
Vi invito a copiare ed incollare nel vostro stato, ………………affinché  tutti sappiano..


Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"


Commenti da Facebook

2 Commenti

  1. drago88

    Ancora una volta, si prendono fischi per fiaschi, lucciole per lanterne, e pere per mele. E solo perché il testo dell’emendamento è diciamo “fatto con i piedi”, ed è scritto in modo castronesco (questo è l’unico rimprovero che si può fare ai firmatari). In verità però non c’è nulla di scandaloso, posto che si tratta solo di una banale armonizzazione di norme di legge.
    Cosa dice o diceva esattamente l’emendamento incriminato? Be’, prima di tutto non salvava certo i pedofili. E’ un emendamento  scritto male e formulato in modo ambiguo, ma – come ho già anticipato – aveva solo l’intento di armonizzare una modifica di legge. Ma partiamo dall’inizio: un altro emendamento, il 1241, ha fatto includere gli atti sessuali su minore (art. 609quater) fra i reati per i quali c’è l’arresto obbligatorio in flagranza. Orbene, il “famigerato” emendamento 1707  intendeva far escludere dall’arresto obbligatorio i casi di “minore gravità” (comma 4, art 609quater c.p.p.). Praticamente, intendeva preservare, per i casi di minore gravità, l’arresto facoltativo, oggi in vigore per tutto l’articolo, modificando l’art. 380 c.p.p.: se andate infatti a leggervi l’attuale 609quater, nelle note procedurali, l’arresto è attualmente facoltativo (art. 381 c.p.p.) per tutti i casi previsti dalla norma! Di fatto, l’emendamento voleva cristallizzare la situazione attuale, per i soli casi di minore gravità. Certamente non voleva salvare le chiappe ai pedofili, come invece sbandierano i sinistri a destra e a manca, dimenticandosi che l’attuale 609quater, con l’arresto facoltativo per gli atti sessuali su minori indipendentemente dalla gravità, è stato approvato durante il governo Dini, sostenuto dal centrosinistra e dalla Lega (ma allora nessuno protestò o parlò di norma salvapedofili).
    Ciò detto, mi sovviene precisare che il fraintendimento (?) che ha fatto nascere la protesta è scaturito dalla confusione tra arresto facoltativo e/o obbligatorio in flagranza di reato e procedibilità del reato. In verità, fra i due aspetti processual-penalistici c’è una bella e sostanziale differenza. Il primo (arresto facoltativo/obbligatorio) attiene alle modalità operative della polizia giudiziaria dinanzi al reo colto nel momento in cui compie il fatto di reato. La legge stabilisce quando la polizia può arrestare ovvero deve arrestare se sorprende qualcuno a commettere un reato. L’arresto in questo caso non ha finalità punitive, ma semplicemente precautelari. Tant’è che può capitare che una persona viene arrestata e poi rilasciata perché il giudice non convalida l’arresto. Il secondo aspetto invece riguarda la modalità di attivazione del procedimento penale, e cioè quella che in modo spesso atecnico viene definita denuncia. La legge, infatti, stabilisce quando un reato è procedibile a querela di parte ovvero d’ufficio. E cioè quando richiede una espressa volontà punitiva della persona offesa, oppure no. Laddove un reato è procedibile a querela della persona offesa, e la querela non c’è, chi ha commesso il reato non è punibile. Se un reato invece è procedibile d’ufficio, la presenza o meno di una querela è irrilevante: il pubblico ministero avrà comunque l’obbligo di esercitare l’azione penale.
    Ebbene, tornando al caso specifico, l’art. 609quater è un reato procedibile a querela di parte, indipendentemente dalla gravità. La conseguenza è che se il minore o genitore non denuncia il fatto tramite querela (che poi diventa irrevocabile), la polizia giudiziaria dopo l’arresto deve rilasciare necessariamente l’autore del reato, il quale non verrà punito: manca la condizione di procedibilità dell’azione penale. D’altro canto, se andiamo a leggere un altro articolo, e precisamente il 600bis (atti sessuali con minori in cambio di denaro e altro), questi è invece  un reato procedibile d’ufficio, con la conseguenza che il PM potrà – come ho già detto – esercitare l’azione penale e dunque procedere d’ufficio anche senza querela; potrà, in altre parole, chiedere la punizione del  colpevole indipendentemente dalla volontà della persona offesa (minore e/o genitore). Da ciò si deduce, in modo chiaro e incontrovertibile, che l’emendamento 1707 non toccava le note procedurali (i presupposti dell’azione penale!), ma incideva solo sulla mera facoltà della polizia giudiziaria di arrestare o meno il reo in flagranza di reato in caso di atti sessuali di minore gravità che non è violenza sessuale ex-art. 609bis c.p. Decisamente un altro tipo di discorso. Ma la disinformazione, anche in questo caso non si è dimostrata acqua…

    1. vince_ditaranto

      Ciao Drago88,

      apprezzo molto la distinzione che hai voluto fare tra le misure cautelari e la detenzione a seguito del procedimtno penale vero e proprio. Hai ragione, quasi sempre l’uomo della strada non ha assolutamente idea della differenza. 

      Mi vengono subito in mente tutte le volte che, per dare addosso ai magistrati, alcuni organi d’informazione passano il concetto che il balordo che commette un reato viene liberato il giorno stesso, così facendo si calca la mano per generare sfiducia nella magistratura che sembra non fare il suo dovere. Ovviamente in questi casi semplicemente non si è ritenuto di procedere con le misure cautelari e non c’entra nulla con la perseguibilità del reato commesso.

      Teniamoli bene a mente questi concetti, spesso si gioca con l’ignoranza.

      Detto ciò, in questo caso non mi sembra che si siano prese lucciole per lanterne. Ovvero, non credo che sia un salvacondotto per i pedofili, su questo hai ragione, ma per la sicurezza dei cittadini non è meglio che ci siano misure cautelari automatiche? Chi stabilisce questa “lieve entità”? Magari il pedofilo finirà in galera hai ragione, ma se intanto resta a piede libero e commette altri reati?

      Tu mi insegni che le misure cautelari si applicano fondamentalmente in due casi, se c’è possibilità di reiterare il reato o se c’è la possibilità di inquinamento delle prove (ignoro la legislazione precisa perchè non è il mio ambito). In questo caso, visto che spesso i soggetti in questione sono disturbati chi mi dice che si riesca a valutare con oggettività la possibilità di reiterazione? Chi può stabilire e secondo quali criteri cosa è di lieve entità? Capisci bene che il termine “lieve entità” è così generico che porge il fianco anche all’avvocato più sprovveduto.

      Non è meglio per “cautela” che sia obbligatoria la detenzione? 

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi