Moratoria pena di morte

Il nostro governo, coadiuvato dal parlamento, dopo aver pensato bene di legiferare a favore dell’indulto ha pensato bene di chiedere una moratoria per la pena di morte alle nazioni unite chiedendo che il signor Saddam non venga ucciso. Si perchè questo modo di pensare all’italiana bisogna esportarlo in altri paesi. Bisogna per forza perdonare chi commette omicidi di massa. Si perchè, in fondo, il povero Saddam nonstante i bambini morti ha il diritto di vivere.

Per lui ci sono stati scioperi della fame ” presunti”, per lui ci sono state manifestazioni e compassione quando era lì vicino al patibolo. Povero Saddam, il giorno della sua morte è stato un giorno triste per l’umanità secondo molti esponenti politici italiani. Addirittura, se non ricordo male, ci sono state fiaccolate in suo favore, contestando aspramente il cattivo presidente degli Stati Uniti. Quella nazione ( gli Stati Uniti ) rappresenta il male assoluto secondo alcuni esponenti di sinistra. Secondo Prodi sono loro i principali responsabili del fatto che questa moratoria non viene pienamente accettata. Il nostro presidente forse dimentica o fa finta di ignorare che in Cina ci sono migliaia di condanne a morte ingiustificate e se la prende con gli Stati Uniti.

E si in Cina ci sono interessi economici forti quindi è meglio non parlare contro anzi bisogna parlare bene. A sentire i soliti politici moralisti di sinistra bisognava salvare Saddam mentre il Duce ha meritato di morire ed ha meritato di essere calpestato.Almeno abbiate la coscienza morale di dire che anche Saddam ha meritato quella fine. Abbiate il coraggio di dire ha meritato di morire altrimenti la vostra è soltanto ipocrisia


Commenti da Facebook

7 Commenti

  1. piovasco

    Massì perchè non tagliare la mano al ladro e non lapidare l’adultero.

    Si potrebbe persino tagliare la ligua al bestemmiatore o allo spergiuro.

    Forse si vivrebbe tutti in un mondo migliore.

    Sigh! Sobh! 

    è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago…

  2. gianni

    La mia polemica è rivolta nei confronti di chi voleva salvare la vita a Saddam che di certo non è stato un ladro ma ha ucciso migliaia di persone. Vi è una grande differenza tra un ladro ed uno che compie delitti.

    Detto questo penso che un pò di severità anche nei confronti dei ladri ( magari con qualche giorno in più di galera ) non sarebbe male. Forse con qualche indulto in meno lo stato avrebbe più credibiltà da parte delle persone oneste. Voi che dite? 

    1. titus

      personalmente, questo è un mio parere soggettivo, che la pena di morte è inutile…
      Forse condizionati sull’onda emotiva di un avvenimeto altamente scandaloso…molti di noi potrebbero pensare che sia il mezzo più efficace per far giustizia.
      Personalmente invece più che urlare alla pena di morte, credo che da parte delle istituzioni Basterebbe garantire la certezza della pena, naturalmente dopo aver garantito tutti i gradi di giudizio.

      1. piovasco

        non solo credo che la pena di morte non serva a nulla, ma credo anche che uno stato, quindi tutti noi, non ha nessun diritto di togliere la vita a chicchessia facendosi criminale a sua volta.

        Se lo scopo è quello del danno minore allora bisogna pensare ad un sistema giudiziario che serva veramente al reinserimento in società e ad applicare pene giuste.

        Sull’indulto vorrei aggiungere che la pena che vede la privazione della libertà non deve essere aggravata da una situazione carceraria disumana. Non mi dilungo, basta informarsi un minimo sulla situazione delle carceri italiane.

        Il carcere in aggiunta è diventata solo una pena per poveri e diseredati, chi si può permettere un avvocato non dico ottimo ma quanto meno decente in galera non ci va come oramai sanno anche le pietre. 

        1. gianni

          Chissà cosa pensano i genitori di quel bambino di Parma che è stato ucciso subito dopo il sequestro. Ma si liberiamolo il sign Alessi tanto in fondo faceva soltanto il muratore. Magari lo giustifichiamo dicendo che con quel lavoro faceva la vita da diseredato, quindi giustamente ha pensato bene al sequestro. Non è giusto che il sign Alessi possa vivere il resto dei suoi anni in carcere in condizione disumane. In fondo ha soltanto ucciso un bambino, quindi non merita neanche l’ergastolo vero?

          1. titus

            scusate se mi permetto….
            predo licenza di darti del tu e di essere molto diretto.
            Quando venne varato l’indulto, su questo sito il sottoscritto pubblico una notizia sulla più veloce scarcerazione e ricarcerazione della stessa persona a distanza di poche ore.
            Secondo “me”, bisogna garantire a chi è in prigione condizioni di vita umane…
            L’indulto non deve essere un paliativo per risolvere il problema delle carceri.
            ne servono altre se ne costruiscono, poi sui metodi ri ricollocamento nella società dei detenuti, ne possiamo parlare.
            Ma non condivido il fatto che in Italia non viene garantita la condanna.
            cammellismo non tiriamo in ballo le condizioni delle carceri per favore…
            Altrimenti poi innalziamo la soglia di detenzione per gli stupefacenti…ops gia fatta…
            proporrei di far aumentare da 0.5 a 1 anche la soglia di tolleranza all’alcol così ci saranno meno ritiri di
            patenti…
            Lo stato deve essere garantista, ma deve anche applicare le leggi e sopratutto farle rispettare.
            altrimenti c’è anarchia=caos= antistato…..quindi non più libertà ma libertinaggio….

  3. gianni

    Certo che la pena di morte non serve a recuperare le vittime, ma può in certi casi essere inevitabile. Il mio post è rivolto al caso di Saddam. Quello che voglio mettere in risalto è il fatto di manifestare contro la condanna a morte dell’ex leader iracheno. Scusatemi ma io a vedere quelle manifestazioni di solidarietà mi è venuto un nervoso incredibile.

    Per me quello è stato un giorno felice così come quello del suicidio di Hitler che ha di fatto eliminato quell’orrore del nazifascismo. In conclusione penso che la pena di morte è uno strumento da usare raramente e per casi estremi. Dico soltanto che Saddam per me ha meritato quella fine e per voi?

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi