Commenti da Facebook

6 Commenti

  1. tinamiki

    salve a tutti qualcuno mi sa dare delle informazioni per andare a roma il 20 ottobre  c’è un pullman che parte oppure bisogna andarci con le macchine? aspetto una risposta da chiunque sia informato su questo argomento.ciaociao GRAZIE

  2. falco

    Tutti a Roma per dire basta.

    A che?

    Andate a Roma piuttosto sotto la sede dei vostri partiti ad implorarli affinchè una volta per tutte buttino la maschera e mettano fine a queste sceneggiate e decidano finalmente da che parte stare.

    La contraddizione infinita. Partiti di Lotta e di governo “ma mi faccia il piacere”

    Andate a Lavorare invece di scaldare “a nostre spese” le sedie del parlamento. 

    Il precariato  Bla, Bla, Bla solo parole, parole, parole.

    La cosiddetta sinistra una miriade di micropartiti intenti solo a conservare intatto il proprio orticello.

    Chiedete loro in quasi due anni di governo quali progetti per il precariato?

    Che significa dire basta al precariato? Dov’è finito l’antico slogan Lavorare meno perr lavorare tutti? Dobbiamo licenziare il 50% dei precari per sistemare l’altro?

    Smettetela di fare propaganda e mettevi sotto sul serio per dare un senso alla vostra presenza nel governo. Per dare una risposta concreta a chi si aspetta da voi risposte concrete. A chi vi ha dato la  possibilità di governare non di manifestare contro te stesso.

    A questo io voglio dire Basta. Se non siete capaci tornatevene a casa.

    Scusate la rabbia.

    Arrivedereci  

     

     

  3. gianni

    Forse questo poteva essere un titolo più consono alla manifestazione.

    Proprio non capisco, sembra che al governo ci sia Berlusconi. Ma come un ministro che va in piazza a protestare contro questo governo cioè protesta nei suoi stesi confronti. Mah…

    Forse, cari comunisti, è arrivata l’ora di protestare contro i vostri leader di partito che dichiarano una cosa e poi votano altro. Considerare i vari Giordano e Diliberto come paladini dei poveri e sfortunati giovani meridionali francamente mi fa senso. Anzi, a loro preferisco un Padoa Schioppa che identifica noi giovani italiani come dei bambocci e , al di là delle possibile cause, ha fotografato una cruda realtà italiana specialmente radicata in noi meridionali.

    Non riesco a capire perchè, cari compagni, vi fate continuamente prendere in giro da quei ministri che adesso fanno i finti dissidenti e poi, alla fine, voteranno comunque a favore del walfare, lo ha già detto Prodi che prima o poi l’accordo si troverà. Il Sign Diliberto dice che se Prodi cade sicuramente non dipenderà da loro e che il suo partito appogia il presidente del consiglio. Ma come da una parte protesti contro Prodi e dall’altra gli dai fiducia. Sinceramente preferisco la visibile furbizia di Mastella ai falsi moralisti perchè almeno sai di che pasta è fatto il sign Clemente. Non sarebbe forse più logico e giusto prendersela con i propri esponenti di governo invece di santificarli?

    Infine vorrei porvi una  domande che non hanno niente a che fare con la manifestazione chi mi sa dire la differenza tra Rifondazione Comunista ed i Comunisti Italiani? Perchè 2 partiti diversi con la stessa ideologia?

    1. tm

      a roma il 20 ottobre non si va per protestare contro il governo, ma per dire al governo di cui anche la sinistra fa parte che gli impegni assunti prima delle elezioni vanno mantenuti. gli accordi presi dai partiti dell’unione prima che si votasse prevedevano in modo chiaro e preciso che la legge 30 (biagi) in caso di vittoria elettorale doveva essere abolita. in questi mesi i partiti della sinistra hanno dimostrato grande lealtà al governo mantenendolo in piedi in diverse occasioni, vedi vicenza o dico, ma sul precariato non si può più transigere, o si mantengono gli impegni o si va a casa. é facile parlare e dire agli altri di darsi da fare quando si ha un posto di lavoro sicuro che a fine mese ti porta il tuo stipendio, la fregatura è di coloro che quello stipendio non ce l’hanno, e anche quando trovano un minimo di occupazione devono stare sempre con la cosiddetta spada di damocle appesa sulla testa, perchè a qualcuno fa comodo mantenere i lavoratori sotto un continuo ricatto e senza che si offrino prospettive di lavoro a lunga durata. in questo modo non si può continuare, i giovani hanno bisogno di risposte certe, di sapere se avranno un futuro o se invece devono rassegnarsi a rimanere precari a vita. in tutto questo non centra niente che si faccia parte o meno della coalizione di governo, centra solo scegliere da che parte stare, se con i lavoratori o con chi i lavoratori vuole solo sfruttarli. Sarebbe come dire che difronte a ciò che sta succedendo con de magistris i partiti della sinistra dovrebbero stare con mastella. invece no, se il governo sbaglia bisogna riportarlo sulla via della ragione e delle scelte della coalizione e non permettere che ognuno si senta padrone di andare per conto proprio. Ecco perchè la manifestazione del 20,

      http://prcfidenza.net/download/pdf/gc_volantino_20_ott_text.pdf

       

      1. compagna69

         

           SERVE DAVVERO ANDARE A ROMA ?

        In queste ore in tuttu i luoghi di lavoro si vota il protocollo del 23 di luglio.sul mercato del lavoro ci sono capitoli che non migliorano per niente la vita dei precari(contratti a termine,detassazione degli straordinari) altre cose che se vengono spiegate bene non si differenziano molto dalla politica del precedente governo.Cosa fare ?diciamo NO al protocollo,il referendum è un segnale di democrazia importantissimo per tutti i lavoratori.Se alla fine anche i partiti di

        estrema Sinistra ci aiuteranno per modificare questo schifo in parlamento

        che ben venga.La legge Biagi doveva essere abolita da questo governo,lo scalone sulle pensioni doveva essere superato.Devo continuare ?Non hanno fatto nulla.

        Andare alla manifestazione del 20 ottobre serve soprattutto alle persone che sono anni che vengono fregati dai vari governi di turno.

        un mega saluto

        Antonella

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi