martedì 07 Dicembre 2021


Commenti da Facebook

16 Commenti

  1. Frankcasa

    Mastella:
    “Mi dimetto – ha continuato il leader dell’Udeur nell’aula di Montecitorio – riaprendo la questione delle intercettazioni a volte manipolate, a volte estrapolate ad arte, assai spesso divulgate senza alcun riguardo per la riservatezza dei cittadini”.
    E ancora. “Mi dimetto per senso dello Stato – ha proseguito durante la seduta nel corso della quale era prevista la relazione sullo stato della giustizia -. Lo faccio senza tentennamenti. Mi dimetto per riaprire una grande questione democratica. Anche perché, come ha detto Fedro: ‘gli umili soffrono quando i potenti si combattono’. Mi dimetto perché ritengo, anche dopo la mia dolorosa esperienza che vada recuperata la responsabilità, almeno civile, dei magistrati”.

    VENGHINO AMANTI DEL TRAGI-COMICO! VENGHINOOO! SIORI E SIORE!!!

    AUHSUAHSUAHSUHAUSHA.LaughingCry

    Ad maiora!

      1. Frankcasa

        Le dimissioni del ministro Mastella:

        Contenuto non disponibile
        Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

         

        Vi propongo il primo commento di un utente ke ho trovato subito sotto il video:

        paulyoung68 (37 minutes ago) Show Hide

        IO OGNI ANNO VADO AD ASSISTERE IL G.P DI MONZA,PAGO IL BIGLIETTO REGOLARMENTE,STO PORCO QUEST;ANNO C”ERA ANCHE LUI ACCOMPAGNATO DAL FIGLIO..arrivati con tanto di aereo di stato..da ROMA |ANDATA|RITORNO.NOI CONTRIBUENTI QUEL GIORNO ABBIAM SPESO 20.OOO X STO MAIAL!!!!!!!!!E
        Smile…uahsuhausua

        Ad maiora!

  2. vince_ditaranto

    Partendo dal fatto che secondo me è presto per cantare vittoria, credo bisogna ricordare che sarebbe comunque una vittoria di Pirro. Morto un “Mastella” se ne farebbe subito un’altro……..tanto lui era solo un burattino che accettando il ruolo di “spala merda” degli altri otteneva i suoi bravi privilegi più o meno grandi……..sicuramente non sarà un disoccupato, troverà subito una collocazione dirigenziale statale strapagatisssssima.

    Sono pronto a scommetterci. 

    Comunque trovo patetico e offensivo la sua recita della vittima……..

     

    Buona giornata

    1. ciffo

      E vogliamo parlare delle reazioni unanimi di tutti i partiti? CHE SCHIFO!
      Clemente Mastella ora fa la vittima. Come dice corvo sarà pure uno spalamelma però molti ignorano alcune cose.
      Leggendo un articolo di Barbacetto su MICROMEGA ho appreso che:
      Mastella è stato testimone di nozze (insieme a Cuffaro) di Francesco Campanella, mafioso autore di diversi reati (tra gli altri ha procurato al capo di cosanostra Provenzano i documenti falsi per operarsi in Francia).
      Ha ammesso nel proprio partito diversi loschi personaggi, uno (noto massone) su raccomandazione dello stesso mafioso.
      L’UDEUR, partito personale di Mastella, ha tra le sue fila e nei posti dirigenziali il più alto tasso in percentuale tra i partiti italiani di persone che hanno fatto giorni di carcere. Non sto qui a nominarli tutti, documentatevi se volete. La curiosità però è che sembra davvero che Mastella accolga tutti ma proprio tutti quelli che vogliono “redimersi”…. Brutte storie, carcere ma poi un posticino nell’UDEUR c’è sempre.
      Mi ha fatto sorridere la storia di Carnevale, il famoso calciatore squalificato per doping e ovviamente ritenuto da Mastella la persona ideale per ricoprire il ruolo di “responsabile del dipartimento SPORT” dell’UDEUR.
       
      I danni fatti con l’indulto li conosciamo tutti. La moglie di Dini non ha fatto un solo giorno di carcere grazie a Mastella. Probabilmente non ne farà sua moglie, ammesso che venga ritenuta colpevole.
      Dei cataclismi commessi con De Magistris e tutta la magistratura ne abbiamo parlato a iosa.
       
      Facciamo un giochino.
      Secondo voi per nominare una persona con tale curriculum ministro della giustizia bisogna essere:
      1) Un mafioso
      2) Un imbecille
      3) Un marziano appena sceso sulla terra
       
      Voi che dite?

      1. erredi
        Caro Ciffo io aggiungerei anche:
        4) o essere semplicemente italiani?
        Purtroppo la nostra cara e amata Italia (qui ci metterei il testo “povera Patria”del maetro Battiato) è sommersa dalla munnezza..in tutti i campi e in tutti i sensi. Ultimamente facciamo solo notizia per le veline, per esportare la mafia in tutto il mondo, per avere un sistema che è mafioso, per avere gente che all’apice dello sport e che non paga le tasse..ecc…ecc…potrei continuare all’infinito. Ci metto anche un paese di contraddizioni vedi 14 anni di commissariato a Napoli e la munnezza che continua ad essere fonte di guadagno per gli amministratori locali; infine un paese in cui 4 imbecilli riescono a decidere se un Papa deve o meno parlare…benissimo siamo i numeri 1 (a baggianate)!!!!
        1. giusy

          Eppure qualcosa si è mosso! Chissà, però, dove porterà tutta questa vicenda… vedendo la reazione assurda del mondo politico, la strada per arrivare a gestire la cosa pubblica in maniera pulita, onesta, giusta, sembra davvero troppo lunga se non impossibile.

          Definire questo provvedimento “un attacco alla Democrazia” davvero non si può sentire.

          Solo l’on. Di Pietro, almeno, a quanto so io, ha difeso i Magistrati.

          Tutti sono troppo uguali, tutti hanno dietro le stesse storie di Mestella per incoraggiare alla giustizia… siamo messi davvero male!

          1. For Peace

            Vedendo la TV da stamattina, mi ha lasciato da subito stupito il come mai tutti i TG sapevano e loro affermavano (i coniugi) di non sapere di cosa si trattasse. Oltretutto, e questa mi sembra grave, come mai il Ministro della Repubblica non avendo ricevuto niente di ufficiale si è dimesso. Ma dove siamo arrivati? Purtroppo nessuno ha il coraggio di indignarsi, questa è la casta, ovvero i politici vengono colpiti e riescono a stringersi ed a farsi scudo, io direi contro di noi. Vedasi anche la legge elettorale in discussione, ma quando mai se non fosse per ragioni di colla alla sedia avremmo potuto assistere ai numerosi incontri tra partiti anche di opposizione, perchè non fanno questo per risanare la giustizia (ingiusta), per risolvere i problemi del clima, dei redditi; lo so sarò pure uscito dal tema ma questo protezionismo trasversale mi fa paura. Complimenti ha chi oggi ha avuto il coraggio di uscire dal coro, vedasi Dipietro, Bonelli ecc..

        2. Cambiamo Cultura

          mi associo, bisogna essere  italiani.

          Non sono daccordo con tutti quelli che stanno accusando sempre senza sapere la verità dei fatti.

          Anch’io potrei fare un giochino: tutti quelli che hanno votato berlusconi presidente del consiglio,che sono ?

          Ese ritorniamo a votare e si candidano sia a destra che a sinistra le stesse persone, noi italiani che siamo?

           

           

          1. anycamy

            Sono alquanto indignata nel vedere come l’intero parlamento si sia commosso sulle vicende di Santa Madre Mastella (come dice qualcuno) tanto da abbracciarlo ed accarezzarlo come un reliquiario di una verità a “loro” comune. Ma che bella “famiglia”. La cosa che più mi fa incazzare e che gli applausi e le ovazioni si sono elevate dopo che NOSTRA Santa Madre Mastella ha con estrema naturalezza insultato la Giustizia italiana con parole profondamente eversive (indignazione solo nei confronti dei ragazzi della Sapienza… vabè altro discorso…due pesi due misure)siamo al paradosso! Mi chiedo come possono i nostri parlamentari avere già espresso i loro giudizi senza conoscere i capi di accusa? – giudici colpevoli a prescindere? -Nostra Santa Madre Mastella innocente a prescindere? Mmmm…bell’esempio di democrazia e civiltà! meditate gente meditate P.S. dalla CASTA ALLA COSCA IL PASSO è BREVE ciao montenettini!

  3. gianni

    Quello che non capisco di questa storia è la solidarietà dell’intero parlamento. Forse i nostri cari parlamentari sono stati abbagliati dalle lacrime di Ceppaloni non tenendo conto delle parole che son venite fuori dal Guardiasigilli. Un ministro di Grazia e Giustizia che dice di essere ostaggio dei magistrati per poi ricevere applausi è francamente disgustoso. Chiaramente dopo queste parole non poteva fare altro che dimettersi. Quelle di Mastella sono state dichiarazioni forti contro un’istituzione di cui lui stesso è il capo. Come si fa a dire al sign Mastella di ritirare le dimissioni. Il comportamento di Prodi, sempre intento nel tenere a galla un governo fasullo, non è per niente accettabile. Quelle dimissioni dovevano essere accettate all’istante e se ci doveva essere solidarietà doveva essere solo umana, non politica.

    La cosa che fa più ridere è appunto la solidarietà di coloro che erano sempre a favore di quei magistrati che inviavano avvisi di garanzia al Berlusca. Ieri invece hanno avuto il coraggio di applaudire un discorso da repubblica delle banane fatto in un aula parlamentare (non al bar) da un ministro. Basta leggere il titolo di apertura di Libero : ” SPUTTANAMENTO TOTALE” per capire la figura di merda che l’Italia continua a fare tra monnezza, papa contestato e caso Mastella.

    1. Cambiamo Cultura

      Sono senza parole.  

      Abbiamo memoria corta.

      Siamo tutti individualisti.

      Non sappiamo ascoltare.

      Ci crediamo più intelligenti degli altri.

      Sappiamo solo criticare.

      Non diamo risposte.

      Ad una domanda rispondiamo con un’altra  domanda.

      Non facciamo nulla per cambiare le cose.

      Forse perchè stiamo troppo bene.

      O forse perchè siamo abituati a vivere senza regole?

       

      1. HOUSES OF THE HOLY

        Chi ha letto questo libro?

        Potrebbe servirci come guida per liberarci dai politici corrotti?

         “Come creare un ambiente di lavoro più civile e produttivo o sopravvivere se il tuo non lo è.
        In pochi mesi questo libro ha venduto 2 milioni di copie, segno che – evidentemente – il mondo del lavoro ne annovera un gran numero. E in effetti, chi non si è trovato qualche volta alle prese con superiori o colleghi prepotenti che rovinano la vita a tutti? Sono gli “stronzi”, detto senza eufemismi da uno dei più autorevoli docenti della Stanford University, Robert Sutton, che fra queste pagine indica a manager e dipendenti alcune semplici strategie per difendersi dalla loro molesta presenza. Ma perché è così importante liberarsene? Innanzitutto per vivere meglio. In secondo luogo perché le conseguenze del loro operato danneggiano l’azienda, provocando malumori, demotivazione e assenteismo. In poche parole, un calo della produttività, che si traduce in costi. Ma come neutralizzarli, dato che se ne trovano di qualsiasi livello, sesso ed età? Scopriamolo in questo saggio pieno di ironia, ricco di suggerimenti per tenerli a distanza e fornito di un utile test per capire chi abbiamo di fronte. E per scoprire se anche noi lo stiamo diventando.”

        «Un libro talmente vero e talmente utile che tu fa chiedere: come ho fatto finora a farne senza?»
        – Booklist

        2 milioni di copie bruciate in tutto il mondo!

         

         

  4. cico

    MA MASTELLA A MONTE NON A PRESO QUASI 300 VOTI ALLE ULTIME ELEZZIONI !!!. CHI LA VOTATO COSA SI ASPETTAVA DA UN ELEMENTO SIMILE (se non una raccomandazzione)??.E POI SONO GLI STESSI CHE MAGARI SI INDIGNANO E LO SRIVONO ANCHE SUL SITO.(L’UDEUR DI MONTE NON SONO QUASI TUTTI GIOVANI ALLA FACCIA DEL CAMBIAMENTO E DEL MORALISMO).

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi