Paese di struzzi PER LEGGE

 

Che l’Italia sia un paese di struzzi è evidente ai non italiani. Veline e calciatori sono certamente più importanti di malaffari, mafie e noiosissime notizie di politica. La superficialità è padrona. Siamo tutti più contenti ora che gli immigrati clandestini saranno anche delinquenti per legge… poco importa se nessuno di loro andrà in galera e il problema non è per niente risolto. Chi protesta a Napoli andrà in galera…. e siamo tutti più contenti…. poco importa se niente ancora si fa per risolvere sul serio il problema immondizia. L’Alitalia non andrà ai francesi! E siamo tutti contenti…. poco importa se intanto paghiamo (noi tutti) inutili prestiti-ponte in attesa di fantomatiche cordate che in campagna elettorale sembravano volerci riempire d’oro. L’ICI è stata tolta. Il governo ci ha dato quello che chiedevamo secondo la logica del “panem et circenses”. Ora però è bene che questo stato di fatto venga legalizzato. Quindi nessuno più si azzardi a indagare su chicchessia. In nome della privacy niente più intercettazioni…. la violazione della privacy è un’emergenza nazionale. Lasciamo ad esempio lavorare in pace i medici macellai che uccidono per soldi. Pugno duro (5 anni di galera) per chi intercetta. Tolleranza zero per tutti tranne che per i delinquenti che siedono in parlamento. E con il benestare di D’Alema & C.
C’è tutto il necessario per piangere di disperazione…. ma meglio ridere con la bella vignetta di Giulio Laurenzi.


Commenti da Facebook

5 Commenti

  1. vale461mito

    Ridiamoci sopra! L’unico mezzo utile nelle mani dei nostri DERRICK è stato tolto, l’unico e dico unico mezzo INDISPENSABILE è stato messo alla gogna da chi ovviamente ha qualcosa da nascondere…da ora in poi sarà più facile derubare povera gente, sarà più facile fare le scalate alle banche, sarà più facile uccidere!

    Poi SCHIFANI, che tratta con la MAFIA ed ha tra le mani la seconda carica dello STATO, potrà avere altri contatti con chi vuole truccare gli appalti, riciclare denaro sporco e potrà persino fare il mandante di omicidi… è il cerchio che si chiude! Signori pensateci bene da ora in poi sarà più facile fare tutte quelle cose ILLEGALI che fino ad ora sono state fatte, sarà più semplice per tutti entrare a far parte della MAFIA, della CAMORRA e della ‘NDRANGHETA. Insomma evviva l’illegalità! Berlusconi, Schifani, D’ Alema, Veltroni, Bassolino e l’inossidabile Andreotti potranno continuare nella loro opera ILLEGALE… tanto poi per ricordarsi della legalità e dei suoi principi ci sono le feste di commemorazione di FALCONE e BORSELLINO, li sono tutti buoni a dire che in questo paese manca quello spirito LEGALE che c’è in altri… e già tanto sono i primi a renderlo ILLEGALE!

    Bè ragazzi da oggi sparare, spacciare, derubare non è più un reato e nel caso lo diventasse, tutti al mare perchè tanto ci pensa l’indulto!!!!

  2. drago

    Esco un pò fuori rispetto alle tematiche proposte dall’articolo di ciffo, però ci tengo a sottolineare che alcuni operai di Melfi hanno scritto a Napolitano.Nella lettera lamentano che ci sono quattro politici lucani che ricevono  doppio stipendio di consigliere regionale e parlamentare.

     Sono Chiurazzi, Antezza, Latronico e Digilio.

     Spero che abbiano la bontà di dare in beneficienza almeno uno dei due. Riporto gli articoli della Gazzetta del Mezzogiorno e del quotidiano

    http://www.regione.basilicata.it/ufficiostampa/FPArticoliPDF/190829.pdf

    http://www.regione.basilicata.it/ufficiostampa/FPArticoliPDF/190813.pdf

     

  3. LomFrAnz

    … ed è così che tanti italiani scelsero nel giorno delle elezioni di votare il più affidabile, il più rispettoso della legge ed il più esperto presidente del consiglio che il paese abbia mai avuto.

     

    L’ultimo miracolo di san silvio è stato il suo appello ai volontari di tutta italia di recarsi in campania per ripulire le strade dalla monnezza…

    Che la Fede sia con voi !!!

    .

    Ramingo errante

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi