Si festeggia il Carnevale montese uno dei più antichi della Basilicata

Tradizioni proseguirà fino al 25 Febbraio con un ricco programma

Maschere in piazza
Un Carnevale del passato nella centralissima Piazza Roma a Montescaglioso

Sfilate di carri allegorici ,dj set con i protagonisti della scena musicale nazionale e il tradizionale carnevalone con le sue maschere arcaiche. È il carnevale montese una delle manifestazioni più antiche e Importanti della Basilicata ,che ha preso il via domenica scorsa e proseguirà fino al 25 febbraio per le vie del centro storico del borgo lucano. Una manifestazione sentita e partecipata ,che vede ogni anno sfilare i carri allegorici ,realizzati da abili cartapestai , accompagnati per le vie del centro storico da maschere colorate ,e che termina a notte fonda con gli spettacoli musicali ,che non mancheranno anche per questa edizione 2020, iniziata domenica sera conclusasi in viale Giovanni XXlll con le selezioni musicali a cura dei dj locali. Il cartellone organizzato dall’ Amministrazione comunale e dalla Pro Loco, prosegue il 23 febbraio ,alle 9 con il mini volley del Carnevale nel Palazzetto dello sport e alle 11 in piazza Roma con il carnevale per i bambini. Il Carnevale prosegue nel pomeriggio alle 18 con la sfilata dei carri allegorici e lo spettacolo alle 22.30 in Viale Kennedy ,con Felipe C ed Alessia Marti di Radionorba. Il 25 è la giornata conclusiva ,la più attesa. Si inizia alle 6 del mattino con la sfilata tradizionale Carnevalone antropologico montese che vede sfilare per le vie del paese gruppi mascherati che suonano campanacci, e figure cariche di simbolismo ,come il Carnevalone ,con sua moglie la Quaremma che porta in braccio un pupazzo in fasce , il Carnevalicchio , vestito di bianco e “U” Fus'”, la ” Parca romana”. Tra le maschere tipiche della tradizione figura anche il Cucibocca , inserito nella rete ” Maschere” demoantropologiche della Lucania “, costituita dagli otto carnevali storici lucani ,riconosciuti dalla regione come “patrimonio immateriale ” , ovvero: Montescaglioso, Teana, Satriano , Tricarico , Cirigliano, Aliano , San Mauro Forte e Lavello. I cos’ vucc” (Cucibocca ) girano per le strade con il volto coperto da una folta barba bianca e da un paio di occhiali ricavati dalle bucce d’arancia e indossando un cappellaccio di paglia o un disco di canapa e abiti di colore scuro. Le arcane figure di aggirano nella parte vecchia di Montescaglioso trascinando una catena spezzata e tenendo in mano un canestro , una lucerna e un lungo ago con il quale “minacciano” i più piccoli di cucire loro la bocca. Dopo averli spaventati , li lasciano liberi di accogliere la Befana che il giorno dopo, darà loro i doni sperati. La giornata prosegue alle 18 con il Carnevale allegorico e la sfilata dei carri per le vie della città. Il gran finale è in programma in Piazza Roma con il Dj Roberto Molinaro ,produttore discografico e conduttore del programma radiofonico su M2o chiamato Real Trust ,e alla guida di due labels : la Sunik Records e la Antistatic Rec e Sandro Bit in Consolle. La manifestazione si chiuderà alle 24 ,con il Funerale del Carnevalone che da inizio al periodo della Quaresima.
[ c.cos] Fonte: Gazzetta Del Mezzogiorno

 


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi