“U S’t’llar”

(il setacciaro)
Girava per i paesi vendendo e riparando i vari setacci: "a s’tell" usata per la farina, "u farnal", usato per il grano e "a ral", usata per i ceci.


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi